La comunicazione politica persegue l’intento specifico della promozione del candidato e della sua idea, attraverso mezzi che risultino appropriati ad una resa efficace del messaggio che si vuole veicolare.

L’era del digitale e l’evoluzione che la stessa ha portato con sé ci sottopone un’importante riflessione: tutti i settori della comunicazione, da quella commerciale a quella politica, necessitano di adeguarsi a questi nuovi mezzi ma con quali conseguenze?

La conseguenza diretta è quella per cui bisogna prestare molta attenzione ai nuovi metodi di comunicazione, in ogni settore, di modo da poterli sfruttare al meglio! Hanno delle potenzialità immense, sono in grado di creare una rete di condivisione molto estesa ed avere successo in termini di risultato: ciò, nel campo della comunicazione politica, significa consenso ed, infine, voti.

Comunicazione politica, tra regole e opportunità

Le regole da seguire non sono di certo semplici ma, una di queste, è sicuramente quella di non improvvisarsi esperti della materia. L’uso dei social media può sembrare di semplice soluzione perché pratichiamo gli stessi nel corso della nostra quotidianità per intrattenere contatti sociali, informarci e fare rete. Non è la stessa cosa, però, quando si tratta di “lavorare sui social” per il conseguimento di un obiettivo.

È questo il caso delle campagne elettorali. Se sei in procinto di candidarti o vuoi giocare d’anticipo su futuri appuntamenti elettorali, iniziare a pensare ad una strategia comunicativa e di promozione della tua candidatura e dell’idea in supporto alla stessa, è bene che tu ti affidi ad un’agenzia di esperti nel settore che possa seguire la tua campagna dalla A alla Z ma che soprattutto si occupi della gestione dei canali social più diffusi.

Parliamo di Facebook, Twitter, Instagram ecc. che sono oggi le piattaforme maggiormente utilizzare per la socializzazione e per la propaganda politica, avendo sostituito nel tempo la quasi totalità di manifesti, santini e comizi elettorali in piazza.

Comunicazione social, quali regole seguire per evitare ogni rischio

Tra le regole da seguire in un buon piano editoriale dedicato alla promozione di un candidato o di un partito c’è sicuramente la moderazione, questo ragionamento può apparire impopolare, e a ben pensarci, nel breve periodo lo è. Le notizie, o le proposte che suscitano clamore, posso ottenere in termini di like e condivisioni degli ottimi risultati. Ma se poi quanto annunciato verrà smentito, da fatti, o da ulteriori dichiarazioni, se ne pagherà il costo in termini di consenso, rischiando di perdere di più di quanto guadagnato.

Il candidato, o il partito, invece, deve dimostrarsi vicino al cittadino, seguendolo nella sua vita di tutti i giorni, ascoltando i suoi problemi e mostrandosi in grado di ascoltare i suoi bisogni. Quello che bisogna tenere a mente però, è che la comunicazione social finalizzata alla campagna elettorale o al mantenimento del consenso elettorale segue delle regole precise:

COSTANZA, la comunicazione deve essere costante e non intermittente proprio per dimostrare interesse ed attenzione alle questioni che ti vengono sottoposte;

LINGUAGGIO DIRETTO, il modo di interfacciarsi all’utente/elettore deve essere semplice e diretto. Mai tecnico o inutilmente prolisso, si finirebbe per annoiare e di conseguenza, non destare curiosità;

CONTENUTI VARIEGATI, è importante spaziare tra i possibili contenuti da postare: slide, post scritti (ma non chilometrici), foto e contenuti multimediali. La varietà degli stessi contribuisce ad attirare l’attenzione del cittadino.

Come vedi, seguire queste regole risulta fondamentale per dar vita ad una comunicazione efficace in termini di risultato ma può far si che si corra qualche rischio. Ogni minima disattenzione o errore può costarti caro: questo deriva dalla estrema attenzione che oggi i cittadini ed ancor più i media prestano ai social! Un passo falso potrebbe contribuire a gettare al vento mesi di proficuo lavoro.

Cosa fare quindi? Il consiglio è quello di curare questo aspetto fondamentale della tua campagna con la massima attenzione ed affidarsi a chi ha esperienza nel settore per non commettere nessun passo falso…che potrebbe tradursi in un vantaggio per il tuo avversario!

Questo articolo ha 4 commenti.

Lascia un commento